denunce,  diritti

Insieme ai braccianti, insieme a tutte e tutti i migranti #sanatoriasubito

Siamo a Foggia, per marciare insieme ai lavoratori agricoli in sciopero e raccogliere le loro testimonianze e le loro impressioni sul Decreto Emersione e Regolarizzazione: per un nuovo protagonismo, non strumentale, non sensazionalistico, ma utile a un reale cambiamento delle condizioni di vita delle persone migranti nel nostro Paese e in Europa.
Sono tante, in questi giorni, le iniziative in tutta Italia per dire #nonsonoinvisibile, #siamoqui e vogliamo una #sanatoriasubito per tutte e per tutti, perché quella proposta dal Governo sembra aver dimenticato che i diritti, se riconosciuti in modo parziale, sono in realtà privilegi.
Pensiamo ai braccianti, grazie ai quali abbondano sulle nostre tavole i prodotti ricavati del sudore, dello sfruttamento e del sangue di migliaia di stranieri fino ad oggi invisibili alle Istituzioni.
Pensiamo a tutte le lavoratrici e i lavoratori irregolari, a tutti gli inoccupati, ma anche agli anziani con la pensione minima, alle donne vittime di violenza di genere, alle vittime di tratta sessuale, ai giovani disoccupati e sfruttati, alle famiglie in difficoltà, alle periferie abbandonate.
La crisi sanitaria ha evidenziato in maniera drammatica le differenze e le ingiustizie, lo stato di sofferenza in cui sopravvivono milioni di cittadine e cittadini nel nostro Paese. E’ arrivato il momento di cancellarle.
Ci vediamo stasera alle 19:00
🖥 DIRETTA SULLA “SANATORIA”
Informazioni preliminari e avvertenze
🔵 Giovedì 21 ore 19:00 – lingua italiana, francese, bambara, wolof
Sono tante le aspettative e gli interrogativi dei lavoratori stranieri sulla concessione del permesso di soggiorno, per alcuni settori, annunciata dal Governo e non ancora definita. Sono tante anche le insidie, segnalate agli sportelli, di profittatori pronti a speculare sulla mancanza di informazioni e sulle preoccupazioni delle persone migranti.
⚠️ Ricordiamo che il decreto è ancora in fase di definizione, che non ci sono certezze e bisognerà attendere ancora 10 giorni, almeno, per avere informazioni chiare sulle procedure per la presentazione della domanda.
💬 Ne parliamo stasera alle 19,00 con mediatori e operatori, provando a fare un quadro anche delle iniziative sul territorio nazionale e con un collegamento speciale delle inviate di Pensare Migrante da Foggia.
👉🏽Qui la diretta di ieri con traduzione in lingua italiana, inglese, mandinka, fula:

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *